• Hotel Tetto delle Marche
  • Arredamenti Brunori
  • Anna & Roberto
  • Banca di Credito Coperativo
  • Ristorante da Antonia
  • La Taverna di Ro'
Sei qui: Home Ascoli Piceno *Ascoli Piceno Ascoli Piceno - Cattedrale di Sant'Emidio
 793 visitatori online
Le province freccia indicativa

Stasera in TV Stasera in TV

Pubblica il materiale

Articoli | Annunci | Pubblicità

Arredamenti - Casalinghi

Banner
Banner
Banner

Edilizia - Impianti - Cave


Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Agenzie Immobiliari

Banner
Banner
Banner

Canonical URL Module

Ascoli Piceno - Cattedrale di Sant'Emidio

PDF Stampa E-mail
Provincia di Ascoli Piceno - *Ascoli Piceno

Cattedrale di Sant'Emidio - Ascoli Piceno

La cattedrale di Sant'Emidio, duomo della città di Ascoli Piceno dedicato al suo patrono, si trova con il palazzo dell'Arengo a piazza Arengo, il centro della vita cittadina nel periodo comunale.

L'attuale edificio è il risultato di molti adattamenti e sovrapposizioni avuti tra l'VIII ed il XVI secolo. Alcuni resti rinvenuti durante i lavori di restauro della cripta del 1967 dimostrano che il primo tempio fu costruito addirittura nel IV o V secolo su un preesistente edificio di epoca romana che Sebastiano Andreantonelli identifica come un tempio pagano dedicato forse alle Muse, mentre altri storici lo attribuiscono a Ercole o a Giunone. La facciata, realizzata in travertino, è ripartita in tre zone verticali da quattro colonne e presenta un portale d'ingresso sormontato da un frontone triangolare e affiancato da due nicchie. Sulla fiancata del Duomo si trova la Porta della Musa, che trae il nome da un'iscrizione in latino probabilmente dell'XI o XII secolo e che sembrerebbe dare credito alla tradizione che vuole la Chiesa sorta su un precedente tempio intitolato alle Muse. L'interno della Cattedrale è composto da tre navate divise da pilastri di forma ottagonale e voltate a crociera. La decorazione ad affresco venne realizzata verso la fine dell'Ottocento da Cesare Mariani con la rappresentazione della storia di Sant'Emidio nel tamburo della cupola. La Cattedrale, infatti, è intitolata al primo vescovo della città, Sant'Emidio, patrono di Ascoli Piceno, nonchè protettore dai terremoti. Venne decapitato nel 303 dopo Cristo. La cripta risale all'XI secolo e qui, all'interno di un sarcofago del IV secolo, vennero conservate le spoglie del Santo protettore. Il Duomo custodisce, inoltre, un coro in legno intagliato nel Quattrocento e il pulpito, opera seicentesca.

Ultimo aggiornamento Venerdì 08 Marzo 2013 06:17
 
Marche - Saggezza Popolare
16) Allea li figlj tua puritti, se tu li voli ricchi e veneditti.
Alleva i tuoi figli poveretti, se li vuoi ricchi e benedetti.

Banche - Finanza

Banner

Centri Estetici


Banner
Banner
Banner
Banner

Lavanderie


Banner
Banner

Grafica e Comunicazione

Banner
Banner

Centri Vacanze

Banner

Ristoranti - Bar - Pizzerie


Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Abbigliamento


Banner
Banner
Banner

Meccanica - Falegn. - Elettricità


Banner
Banner
Banner

Asili - Nidi d'infanzia


Banner
Banner

Foto - Ottica - Danza


Banner
Banner

Auto e Moto


Banner

Sport - Cultura - Tempo libero


Banner

Agriturismi - B. & B.


Banner
Banner