• Hotel Tetto delle Marche
  • Arredamenti Brunori
  • Anna & Roberto
  • Banca di Credito Coperativo
  • Ristorante da Antonia
  • La Taverna di Ro'
Sei qui: Home Macerata Cingoli Cingoli - Ospedale - 13 DICEMBRE 2014 - Incontro tra l'Amministrazione Comunale e i dirigenti dell'ASUR
 128 visitatori online
Le province freccia indicativa

Stasera in TV Stasera in TV

Pubblica il materiale

Articoli | Annunci | Pubblicità

Ti potrebbe interessare anche:

Arredamenti - Casalinghi

Banner
Banner
Banner

Edilizia - Impianti - Cave


Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Agenzie Immobiliari

Banner
Banner
Banner

Canonical URL Module

Cingoli - Ospedale - 13 DICEMBRE 2014 - Incontro tra l'Amministrazione Comunale e i dirigenti dell'ASUR

PDF Stampa E-mail
Provincia di Macerata - Cingoli

Comune di Cingoli - COMUNICATO STAMPA 13 DICEMBRE 2014 
Ospedale: qualche spiraglio, ma poca concretezza.

Ospedale di Cingoli Ristrutturato

Cingoli, 13 dicembre. E' stato particolarmente cordiale l'incontro di ieri tra l'Amministrazione Comunale e i dirigenti dell'ASUR (dott.Genga e dott.Stroppa) in merito al futuro del nostro Ospedale.

Il contenuto del confronto ha messo in evidenza una qualche luce, ma poca concretezza.

L'impegno finale tra tutte le parti è stato quello di proseguire sul tavolo di concertazione per addivenire a soluzioni condivise.

L'Asur Marche ha confermato l'intenzione di prosecuzione del piano di trasformazione dell'Ospedale, secondo le linee tracciate nella delibera della Giunta Regionale del 2013.

Quel piano che il Comune aveva impugnato al TAR delle Marche (che si è espresso recentemente con una sentenza pilatesca e verrà portato all'esame del Consiglio di Stato mediante la proposizione dell'appello.

Il Sindaco Filippo SaltamartiniSe sarà necessario, ha informato il Sindaco nella riunione, porteremo la questione della difesa dell'Ospedale di una comunità montana come Cingoli, fino alla Corte di Giustizia di Strasburgo per la violazione di diritti umani fondamentali qual'è, appunto, la tutela della salute e della vita delle persone.


I temi in discussione sono stati sinteticamente 5:

  1. La riorganizzazione del sistema di emergenza (pronto soccorso) con la richiesta di prevedere l'impiego sull'ambulanza di un medico nelle 24 ore (anche di notte);

  2. L'avvio del Reparto di lunga degenza con i 30 posti letto già previsti;

  3. Il mantenimento del Reparto per acuti (medicina) avviando comunque i 10 posti delle c.d. “cure intermedie”;

  4. Il riavvio di un percorso di valorizzazione di tutta la diagnostica, ad iniziare dalla TAC;

  5. Il ripianamento del personale.

Manifestazione del 20 marzo 2013 ad Ancona

L'Amministrazione comunale ha chiesto che fosse immediatamente attivato il piano sanitario per la POTES (Ambulanza con medico) e che fosse parimenti ricostruito il sistema dei 40 posti letto (30 di lungodegenza e 10 di cure intermedie) senza attendere oltre.

Per quanto concerne, invece, la delibera della Giunta Regionale di trasformazione dell'Ospedale in Casa della Salute, sono state confermate tutte le perplessità già espresse e la ferma opposizione del Comune di Cingoli al piano stesso.

Abbiamo cercato di dimostrare, ha aggiunto il Sindaco, come il piano elaborato dalla Regione aumenti i costi di gestione e in una situazione di crisi come quella attuale non possiamo permetterci nessun feticcio burocratico sul nostro Ospedale.

Dal canto suo il Vice Sindaco Ippoliti ha posto in luce come le c.d. Cure intermedie che prevedono l'impiego dei medici di famiglia non sia una soluzione adeguata per Cingoli perchè il territorio così vasto impone agli stessi sanitari di coprire con i loro ambulatori non solo il capoluogo ma tutte le numerose frazioni.

Adesso l'azione di difesa dell'Ospedale si sposterà in Regione. Nessuno può immaginare, ha continuato il Sindaco, che i nostri cittadini abbiano delegato al potere politico la tutela delle nostre vite, perchè di questo si tratta.
Non può essere minimanete paragonato il Comune di Cingoli a quelli che distano 20 minuti da Ancona,Jesi, Pesaro o Macerata. E la regione dovrà rivedere le sue decisioni.

Peraltro, nell'attuale condizione italiana, non è più sufficiente tagliare Reparti e Ospedali è necessario al pari di ogni altra Amministrazione pubblica (i Comuni lo fanno tutti i giorni) dimostrare che i servizi pubblici fondamentali possono essere erogati con meno risorse. E questo è il compito di ogni Sindaco, degli amministratori regionali e dei dirigenti dell'ASUR.

C'è solo da attendere, ha soggiunto Saltamartini, che l'impegno verbalmente espresso dai dirigenti dell'ASUR di attenzione per il nosocomio cittadino, si traduca in fatti e comportamenti concreti.

Naturalmente la mobilitazione dei cittadini resta in piedi e nei prossimi giorni verranno comunicate altre azioni di lotta.

Nessuno può immaginare, hanno concluso gli Amministratori di Cingoli, che quella decisione contro la nostra Comunità possa  sopravvivere perché la democrazia è il luogo delle decisioni revocabili!

Ultimo aggiornamento Lunedì 22 Dicembre 2014 21:33
 
Marche - Saggezza Popolare
03) La pulizia sta ben anch n't l' stip del porc.
La pulizia va bene anche nel porcile. Non ci devono essere scusanti per non farla.

Banche - Finanza

Banner

Centri Estetici


Banner
Banner
Banner
Banner

Lavanderie


Banner
Banner

Grafica e Comunicazione

Banner
Banner

Centri Vacanze

Banner

Ristoranti - Bar - Pizzerie


Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Abbigliamento


Banner
Banner
Banner

Meccanica - Falegn. - Elettricità


Banner
Banner
Banner

Asili - Nidi d'infanzia


Banner
Banner

Foto - Ottica - Danza


Banner
Banner

Auto e Moto


Banner

Sport - Cultura - Tempo libero


Banner

Agriturismi - B. & B.


Banner
Banner