• Hotel Tetto delle Marche
  • Arredamenti Brunori
  • Anna & Roberto
  • Banca di Credito Coperativo
  • Ristorante da Antonia
  • La Taverna di Ro'
Sei qui: Home Macerata Cingoli Cingoli, Macerata - Manifestazione Pubblica Per la Libertà, sabato 16 Gennaio 2016
 92 visitatori online
Le province freccia indicativa

Stasera in TV Stasera in TV

Pubblica il materiale

Articoli | Annunci | Pubblicità

Ti potrebbe interessare anche:

Arredamenti - Casalinghi

Banner
Banner
Banner

Edilizia - Impianti - Cave


Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Agenzie Immobiliari

Banner
Banner
Banner

Canonical URL Module

Cingoli, Macerata - Manifestazione Pubblica Per la Libertà, sabato 16 Gennaio 2016

PDF Stampa E-mail
Provincia di Macerata - Cingoli

Filippo Saltamartini, Sindaco di Cingoli

Filippo Saltamartini,
sindaco del comune di Cingoli,
invita tutti a manifestare a Macerata
per il nostro diritto ad essere difesi
dalle Forze dell'Ordine

MACERATA, MANIFESTAZIONE SULLA SICUREZZA DAVANTI ALLA PREFETTURA:
RINVIO A SABATO 16 GENNAIO ORE 15,30

9 gennaio 2016. Era tutto pronto per la manifestazione a Macerata davanti alla Prefettura per rivendicare maggiore sicurezza (programmata per il 6 gennaio, spostata al 10 gennaio per ragioni di "ordine pubblico"). Stamani avevamo fatto il sopralluogo con i vertici della Questura e l'elettricista per l'allaccio dei cavi per gli altoparlanti in Piazza della libertà.
Poi sono sopraggiunte le complicazioni: . Ed abbiamo risposto che sarebbero stati spenti, alle ore 16,30 con lo scioglimento dell'iniziativa.
Ed ancora, è emerso un conflitto di orari dell'inizio della Befana maceratese, tra le 15,30 e le 16,30.
E' stato questo il contesto che ha portato a decidere di rinviare il tutto a sabato 16 gennaio ore 15,30 irrevocabili.
Con il programma comunale avremmo avuto a disposizione solo mezz'ora: dalle 15 alle 15,30 (forse un pò pochino ?)
A quel punto si è deciso di rinviare ad altra data, per evitare che qualcuno potesse strumentalizzare la nostra manifestazione con la festa dei cittadini di Macerata.
Voglio aggiungere che non vi erano motivi di ordine pubblico tali da imporre un rinvio, nè la Questura ha esercitato questo potere.
Ma questo altalenante modo di procedere che, fino alle ore 14,00 di oggi non ha portato il Comune di Macerata a concedere l'occupazione dello spazio pubblico, desta qualche perplessità.
Diciamolo con franchezza è una manifestazione che infastidisce i palazzi del potere.
E' anomala perchè è indetta da un organo pubblico, il Sindaco di un Comune senza vessilli di partito.
E' pure fuori dallo stile del perchè è un'assoluta novità.
Ma la manifestazione sarà fatta, con chi c'è, c'è: appuntamento al 17 gennaio, ore 15,30.
Forse sarà il caso di ricordare che a parte i numeri, la domanda di sicurezza sta salendo impetuosa tra i cittadini. E il popolo sa di essere il popolo! E chi aveva aderito è pregato di diffondere l'informazione in modo capillare. Chiedo la cortesia agli utenti ed ai navigatori di facebook di aiutarci ad informare tutti.



Manifestazione Pubbliica

Il Resto del Carlino 05-01-2016

 

PERCHÉ MANIFESTARE?

TANTISSIMI AMICI MI CHIEDONO PERCHE' MANIFESTARE, DIFFICILE SCRIVERLO IN POCHE RIGHE, MA CI PROVIAMO.

Siamo una Nazione che è nata da una guerra e con un partito più grande che voleva il bolscevismo e la dittatura sovietica del proletariato, l'abolizione della proprietà privata, l'Impresa pubblica e le partecipazioni statali.

Abbiamo una Costituzione che nella sua parte essenziale è ciòè nella parte prima tutela ciò che gli altri avevano da secoli (Bil of Right 1689, Petion of Right, dichiarazione universale dei diritti dell'uono 1789, Corte costituzionale di Hans Kelsen etc) e nella parte "tricolore" un miscuglio di norme che dispongono persino il diritto alle ferie e tutti i diritti del lavoratori ma non cita mai lo strumento per creare e distribuire ricchezza che è l'impresa e l'imprenditore, l'artigiano, il coltivatore diretto.

Abbiamo una visione della legalità che valorizza Caino al posto di Abele. Un omicida di un poliziotto come l'ex onorevole Sergio d'Elia viene pure mandato a parlare all'ONU di criminalità.

E sopratutto nessuno parla che lo Stato deve assicurare la sicurezza, cioè la protezione dai banditi poichè ogni anno sono denunciati quasi tre milioni di delitti (30 milioni negli ultimi 10 anni e qualcuno parla di "percezione di insicurezza" quando sono state vittime).

Parlare di questo è pura utopia: da un lato perchè molti politici sono ladri e quindi hanno paura della severità della legge, dall'altra perchè la morale cattolica porta a perdonare quando la vittima è il nostro dirimpettaio o perchè si tenta di giustificare i banditi sul piano della ricchezza individuale, individuando quale scaturigine del crimine cause come la disoccupazione ecc ecc.
In realtà, è dimostrato dalla scienza criminologica che è esattamente l'inverso: nei posti ove c'è povertà il livello della criminalità è bassissimo.
Poi il nostro è il Paese degli Avvocati, ne abbiamo più noi che la Francia, RU e Germania messi insieme ed insieme ai medici sono la categoria più rappresentata in Parlamento. Qualcosa sul cattivo funzionamento della Giustizia vorrà pur dire.

Poi arrivano i giudici. Irrogano sempre la pena minima, in attesa di entrare in Parlamento, non fanno quasi mai il giudizio direttissimo e molti reati sono trattati come un'infrazione al codice della strada.
Non è vero che è colpa della legge: il furto aggravato (ed è sempre aggravato, è punito da 15 giorni a 12 anni in astratto), ma perchè un ladro recidivo non può essere condannato in concreto a 6 anni, in modo che possa scontare la sua pena ed evitare che torni a rubare nella case e magari a violentare, uccidere e rapinare ?

Nella XVI legislatura in cui sono stato senatore, avevo quali avversari nel PD, procuratori e sostituti procuratori di Venezia, Milano, Firenze, Lecce, Bari e Palermo.... possiamo affermare che una parte della magistratura ragiona secondo schemi ideologici ?
Allora occorre rimboccarsi le maniche: il diritto alla sicurezza è un diritto, occorre rivendicarlo ? Come si fa? Con lo strumento che la democrazia ci mette a disposizione: la democrazia diretta, il popolo che scende in piazza.

Sabato 16 gennaio in Piazza della Libertà a Macerata faremo semplicemente questo, ma se qualcuno preferisce andare al cinema anche questo fa parte della democrazia.
Ma come nella pubblicità, poi non dite che non lo sapevate o che i politici sono tutti uguali.


CARI CONCITTADINI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI MACERATA: POTETE STARE TRANQUILLI, I FURTI SONO CALATI (MA I BANDITI SONO AUMENTATI), POTREBBE COMINCIARE COSI' UNA BOZZA DI LETTERA. L'INVITO E' PER TUTTI, SOPRATUTTO PER CHI HA SUBITO UN REATO O UN TENTATO FURTO NON DENUNCIATO: RITROVIAMOCI SABATO 16 A MACERATA, PIAZZA LIBERTA' - ORE 15,30 ! FORSE, MANCA QUALCHE VIRGOLA NEL RAGIONAMENTO PROPOSTO DALLA PREFETTURA !

Prefetto Preziotti, Riunione in Prefettura

MACERATA - Si è svolta ieri, presieduta dal prefetto Preziotti, una riunione del Comitato Provinciale dell’Ordine e della Sicurezza Pubblica indetta a seguito degli… CORRIEREADRIATICO.IT


 

S.e. & o.

Ultimo aggiornamento Sabato 09 Gennaio 2016 22:08
 
Marche - Saggezza Popolare
17) A le femmene che non fanno figlj, non ce gljì pe' piacere,né per cunsigli.
Alle femmine che non fanno figli non andare né per piacere né per consigli.

Banche - Finanza

Banner

Centri Estetici


Banner
Banner
Banner
Banner

Lavanderie


Banner
Banner

Grafica e Comunicazione

Banner
Banner

Centri Vacanze

Banner

Ristoranti - Bar - Pizzerie


Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Abbigliamento


Banner
Banner
Banner

Meccanica - Falegn. - Elettricità


Banner
Banner
Banner

Asili - Nidi d'infanzia


Banner
Banner

Foto - Ottica - Danza


Banner
Banner

Auto e Moto


Banner

Sport - Cultura - Tempo libero


Banner

Agriturismi - B. & B.


Banner
Banner